Storia

L'arte dell'Equilibrio - Le origini

Home / Feng Shui / Storia

Prima di arrivare in occidente e a noi, il Feng shui è stato perfezionato in più di cinquemila  anni di applicazione a tutti i livelli.
Inizialmente veniva tramandato solo oralmente a persone degne di ricevere l’insegnamento, e solo verso il 600 a.C. si è iniziato a codificare per iscritto le regole e le osservazioni. Essendo una disciplina tramandata da Maestro ad allievo, non apparteneva a tutta la popolazione, ma a un’élite ristretta.

I più grandi Maestri di quest’arte sono anche filosofi, conoscitori di arti di divinazione quali l’I Ching e l’astrologia, studiosi di storia , geografia, geomanzia e arte.
La storia del Feng Shui segue profondamente la storia delle dinastie Cinesi, dalle quali è stato utilizzato e portato al sommo sviluppo o osteggiato e negato arrivando fino alla distruzione dei testi e alla redazione di testi falsi.
Infine l’avvento di Mao Tze Tung ha definitivamente negato l’uso di quest’arte, con la conseguente fuga dei Maestri in paesi stranieri. (anche se sembra che Mao ne facesse segretamente uso).
Il Feng Shui si è quindi diffuso in aree quali Singapore e Hong Kong per poi migrare in Inghilterra e negli Stati Uniti dove la New Age ne ha fatto, in gran parte, una moda e un businnes. E’ quindi piuttosto difficile distinguere oggi in occidente quale sia il vero Feng Shui classico, dal momento che l’insegnamento si è disperso in numerosi ruscelli.

Esistono molte scuole di Feng Shui, e ognuna segue diversi livelli di approfondimento. A grandi linee le scuole seguono principalmente tre grandi filoni:
– la Scuola della Forma, che si occupa dell’ambiente
– la Scuola della Bussola: viene considerato lo spazio della casa secondo il suo orientamento.
– la Scuola Xuan Kong Feng Shui. Tiene in considerazione le Forme, l’orientamento, e inserisce un terzo dato: il Tempo. E’ la Scuola del Tempo e dello Spazio o delle Stelle Volanti

Facebook
Bussola Feng Shui